In dirigibile al Polo Nord

16 dicembre 2019
Posted in News
16 dicembre 2019 Diletta Mannelli

A più di novant’anni dai voli polari dei dirigibili “NORGE” (1926) e “ITALIA” (1928) la Società Geografica Italiana ha pubblicato, nella sua collana “Memorie” la biografia, in larga parte inedita, di uno dei protagonisti meno conosciuti di quelle imprese di esplorazione.

Renato Alessandrini, tecnico specializzato dello Stabilimento Costruzioni Aeronautiche di Roma era infatti l”attrezzatore” di entrambi i dirigibili; una figura necessaria a bordo, addetta alla costante ispezione delle strutture e dell’involucro dell’aeronave, su cui doveva effettuare qualsiasi intervento tecnico si rendesse necessario a terra e in volo.

Con le sue periodiche “passeggiate” allo scoperto sul dorso del dirigibile in volo nel pieno dell’Oceano Artico, la sua costanza fisica e la sua presenza di spirito, Alessandrini godeva della fiducia incondizionata dei compagni dell’equipaggio e del comandante Umberto Nobile, che lo aveva fortemente voluto in entrambe le spedizioni; ma aveva anche saputo conquistarsi rispetto e ammirazione da parte dei colleghi norvegesi, primi fra tutti l’esploratore Roald Amundsen.

Alessandrini fu uno dei sei membri dell’equipaggio del dirigibile ITALIA che scomparvero fra le nebbie dell’Artide quando l’aeronave si incidentò sul pack al rientro dal Polo Nord il 25 maggio 1928 e si risollevò portata via dal vento.
La sua fine, a 38 anni, è avvolta nel mistero e resta una pagina struggente nella storia delle esplorazioni polari italiane.

Attingendo a un vasto repertorio di documenti familiari, in massima parte inediti, il nipote dell’esploratore, Dott. Sergio Alessandrini, ha ricostruito la vicenda del suo antenato sullo sfondo della storia dell’organizzazione di cui faceva parte, consegnando un ritratto ampio ed accattivante di una figura ben nota alla storia di quelle vicende, figura minore ma di importanza indiscussa che tuttavia solo ora, ad oltre novant’anni dalla sua scomparsa, emerge a tutto tondo con il suo percorso, la sua personalità e le sue testimonianze dirette.

La prima presentazione del volume si terrà Giovedì 19 dicembre 2019, alle ore 17.30, presso l’Università Europea di Roma (aula Tesi).
L’incontro sarà introdotto dal prof. Gianluca Casagrande  (GREAL). Interverranno la prof.ssa Annalisa D’Ascenzo, coordinatrice per la Storia delle Esplorazioni del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici,  il Dir. Roberto Sparapani del Consiglio Nazionale delle Ricerche e il T. Col. Adelio Roviti, direttore del Museo Storico dell’Aeronautica Militare. Sarà presente l’autore.

, , ,

Diletta Mannelli

Classe 1989, nasco a Roma e mi appassiono alle lingue orientali presso La Sapienza. Attualmente impegnata nel corso di laurea in Turismo e Valorizzazione del Territorio presso l'Università Europea di Roma, sono una freelance writer che ama i viaggi, la natura, le nuove scoperte e i dolci. Non amo la fretta e tutto ciò che ostacola la mia creatività.