PolarQuest 2018 in Società Geografica Italiana: i risultati della spedizione

19 novembre 2018
Posted in News
19 novembre 2018 Diletta Mannelli

Foto di Nanuq scattata dal drone.
Photo Credit: Mike Struik

È fissato a martedì 27 novembre alle ore 9:00 l’appuntamento in Società Geografica Italiana per scoprire e approfondire gli aspetti più interessanti emersi durante la spedizione artica di PolarQuest 2018.

Durante la giornata di studi, in collaborazione con il GREAL, il CNR, il Centro Fermi – Museo della Fisica e Centro Ricerche “Enrico Fermi” e il Museo Storico dell’Aeronautica Militare, si susseguiranno le relazioni dei partecipanti a PolarQuest 2018, coordinate da Paola Catapano, Project Leader della spedizione. Verranno illustrati i risultati dei progetti scientifici e i risvolti geografici più importanti ottenuti durante la spedizione a bordo della barca a vela Nanuq, come l’allarmante accumulo di microplastiche in latitudini estreme come quelle artiche, i notevoli risultati dei rilevamenti dei raggi cosmici del dispositivo PolarQuEEEst e l’importante acquisizione di dati scientifici – obiettivi del progetto AURORA, condotto a bordo di Nanuq da Gianluca Casagrande – grazie all’uso di droni low cost e sensori di categoria “citizen science”, i quali hanno permesso la creazione della cartografia speditiva ad alta risoluzione e di spingersi ad osservare anche le aree più remote dell’arcipelago delle Svalbard.

Insomma, sarà un vero e proprio viaggio alla scoperta dei meravigliosi luoghi artici che appronterà un focus particolare sul cambiamento climatico, grazie anche alla presentazione dimostrativa della mostra virtuale “Il Cambiamento” a cura di Informasistemi.

, ,

Diletta Mannelli

Classe 1989, nasco a Roma e mi appassiono alle lingue orientali presso La Sapienza. Attualmente impegnata nel corso di laurea in Turismo e Valorizzazione del Territorio presso l'Università Europea di Roma, sono una freelance writer che ama i viaggi, la natura, le nuove scoperte e i dolci. Non amo la fretta e tutto ciò che ostacola la mia creatività.